Comunicati Stampa

LA UIL SCUOLA DELLA CAMPANIA: TUTELA DEL DIRITTO ALLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI DI MOBILITA’

MOBILITÀ DOCENTI: OLTRE ALL’INGANNO, LA BEFFA...

Il ministro Giannini e il sottosegretario Faraone, continuano a negare e minimizzare  l’evidenza dei fatti, che, cioè, per loro, il sistema informatico per la mobilità, ha operato e sta operando correttamente, senza errori, per cui è del tutto regolare che molti docenti con punti inferiori restino in Campania ed  altri, con le stesse indicazioni di sedi, medesima fase, e punteggio superiore  vengano destinati nel Nord-Est.
La casistica di errori, invece, è ampia e descrive una realtà ben diversa da quella propagandistica e “volta gabbana” del MIUR.

Esimio Direttore Scolastico Regionale per la Campania,

In vista del superlavoro di agosto per portare a termine le operazioni della chiamata diretta dei docenti dagli elenchi degli ambiti, i dirigenti scolastici saranno costretti a interrompere o a rinunciare alle loro ferie, a volte già programmate e con conseguente perdita economica e disagio per le famiglie. Stessa sorte toccherà, benché nel numero strettamente necessario, al personale di segreteria per i non lievi adempimenti istruttori.
Questa palese violazione dei diritti dei lavoratori della scuola, con il conseguente slittamento delle ferie del personale amministrativo, certamente, non assicura un sereno avvio dell’anno scolastico 2016/2017.

AL DIRETTORE SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

Egregio direttore,

la scrivente O.S. ,  chiede un Suo autorevole intervento in merito al riconoscimento giuridico del servizio relativo al personale ATA – profilo assistente amministrativo, tecnico e collaboratore scolastico che hanno stipulato contratto a tempo determinato durante la convocazione del I calendario e precisamente  il giorno 18 settembre. Ciò ha determinato una disparità di trattamento rispetto a tutte le altre province della regione le cui convocazioni sono avvenute prima del 15 settembre.

DILETTANTI ALLO SBARAGLIO,
 ovvero
"E' gghjuta a pazziella ‘mmane e’ criature" .


LETTERA APERTA al Ministro Giannini


È di oggi la sua dichiarazione, in visita in una scuola di Napoli:  “TUTTO VA BENE NELLA SCUOLA CAMPANA!”  
Evidentemente non è a conoscenza che 2000 docenti campani della primaria sono costretti  a lasciare classi avviate e continuità didattica, per essere sbattuti a centinaia di chilometri di distanza, all'“urlo” della buona scuola.

CAMBIARE LA LEGGE 107 | Un atto possibile e necessario
NUOVA INIZIATIVA DELLA UIL SCUOLA  DI NAPOLI E CAMPANIA
Precariato e ambiti sono le emergenze da risolvere

Sabato e domenica sarà presentato in molte città di Napoli e della Campania il documento con le proposte della Uil Scuola

La legge sulla scuola approvata dal Governo presenta, nella sua applicazione concreta, molti punti critici.
Li abbiamo messi in evidenza a più riprese, ne abbiamo prefigurato gli effetti, ora siamo più che mai convinti che occorre porre rimedio agli errori di questa legge, piena di rigidità, scritta da chi non conosce  la scuola e ne ignora la vitale complessità democratica.

Chi è online

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online

Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!
Cliccando qualsiasi link su questa pagina si autorizza l'utilizzo dei cookie.
Garante Privacy - Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie