TFA

Incontro ministero sindacati
Come richiesto dalla UIL non ci saranno i "test d'ingresso"

Il giorno 3 luglio 2013 si è svolto un incontro tra i rappresentanti del Miur e le organizzazioni sindacali sull'attivazione dei percorsi abilitanti speciali.  Per la UIL scuola ha partecipato Pasquale Proietti.
Il ministero, rappresentato, dal Dir. Generale Luciano Chiappetta, ha comunicato che è in corso di emanazione un Decreto Dirigenziale per l'attivazione della procedura concorsuale.
Il Miur prevede che il decreto possa andare in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni e dalla data di pubblicazione decorreranno i 30 giorni per la presentazione delle domande.

Il 10 aprile e' stata trasmessa ai Direttori degli Uffici Scolastici regionali ed ai Magnifici Rettori delle Università la nota in oggetto recante importanti informazioni ed orientamenti inerenti la conclusione dei percorsi di Tirocinio Formativo Attivo ordinari. Contrariamente a quella diffusa il 28 febbraio, questa non è stata oggetto di alcuna informativa alle organizzazioni sindacali, nonostante dal testo si evincano alcune scelte che necessariamente rimandano a tale livello di confronto ed i cui effetti generano confusione ed aspettative tra i corsisti attualmente impegnati nei corsi ed in coloro che aspettano ormai da un anno l'avvio dei TFA Speciali.

Una procedura ingiusta, complicata, che produrrà contenzioso

L’avvio dei tirocini avverrà in base alle disposizioni contenute in tre distinti decreti.
Due decreti sono già stati firmati dal ministro Profumo e sono ora al vaglio della Corte dei Conti.
I contenuti del terzo decreto ( che deve ancora essere emanato) sono stati illustrati, nelle linee generali, dal ministero nel corso di una riunione con i sindacati.
Sulla base dei contenuti dei primi due, e di quanto detto nella riunione in merito al terzo, abbiamo predisposto una scheda riassuntiva con domande e risposte sui Tfa  che pubblichiamo nell’intenzione di fornire un quadro di riferimento a quanti sono coinvolti in tale percorso.

Un meccanismo farraginoso ingiustamente punitivo
Il decreto sul Tfa speciale deve essere corretto.


La prova d’ingresso, strutturata con risposte multiple, può avere un senso solo se riferita all’individuazione di procedure per graduare gli accessi per le province e per le classi di concorso dove è maggiore la domanda di partecipazione rispetto ai posti disponibili.

Di Menna: per il nuovo reclutamento va superato il meccanismo attuale che fa acqua da tutte le parti
La proposta Uil Scuola: concorso unico per l’accesso e formazione iniziale affidata agli insegnanti delle scuole
 

>>>  TFA SPECIALI E ORDINARI
Tfa speciali / un ritardo inaccettabile, il ministro firmi il decreto
Tfa ordinari / gli insegnanti che svolgono funzione di formatori vanno retribuiti dalle Università, è impensabile che lo facciano gratis.

Chi è online

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!
Cliccando qualsiasi link su questa pagina si autorizza l'utilizzo dei cookie.
Garante Privacy - Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie