Il mondo accademico italiano non ha mai brillato per coraggio ed autonomia di giudizio, ma ci sono delle eccezioni. Come quella del Prof. Sansò docente universitario di linguistica generale e collega della ministra Giannini. Sansò  guardando le domande del concorsone per italianistica ha sbottato nei confronti della Giannini dichiarando in una lettera aperta <<tu, per come ti conosco non la supereresti nemmeno facendo i salti mortali>>.

Perché? Semplice: sono domande complesse che solo chi scrive sulla tastiera con velocità supersonica può rispondere. Domande più adatte a “dattilografe”. Il prof. ridicolizza con poche battute e con  buon senso la natura fraudolenta di queste prove elaborate dagli “sherpa” del ministero ed avallate  dalla sig.ra Giannini. Docenti abilitati e con anni di lavoro nella scuola devono essere sottoposti all’ennesima valutazione con domande  intese più a creare un artificiosa  selezione che non valutare le reali competenze del candidato.
Perché il mondo universitario non segue l’esempio del Prof. Andrea Sansò ed abbandona la torre d’avorio accademica affinché abusi e vessazioni nella scuola italiana non passino sotto silenzio? Il prof. è già diventato un beniamino degli insegnati abilitati e costretti all’ennesimo concorso.
Infine un appello alla ministra Giannini. Cara Stefania il Tuo governo non risponde a nessuno è un governo autoreferenziale,  ma ad un Tuo collega che ti pone delle semplici domande di buon senso potresti rispondere?

                                               PROF. BIAGIO BIANCARDI
                      DOC. ST. FILOS. LICEO VITTORINI NAPOLI E RSU UIL SCUOLA

Chi è online

Abbiamo 102 visitatori e nessun utente online

Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!
Cliccando qualsiasi link su questa pagina si autorizza l'utilizzo dei cookie.
Garante Privacy - Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie